Home Page Recensioni Black Metal Recensioni Thrash / Death Recensioni Grey Area Recensioni Demo Forum Live e Festivals Interviste e Report Links Contatti e Staff

Aeternitas Tenebrarum Music Foundation

1305 recensioni totali
lette 2030693 volte
cerca una recensione:
  
.
.

Furor Gallico
390 b.c. The Glorious Dawn
[2009]

La Setta
Rito 1
[2007]

Neravendetta
Demo 2009
[2009]

Decreto K
La Tomba Reclama la Tua Carne
[2006]

Nocturnian
God Is A Lie
[2008]
.

.
Aggiungi ai Preferiti
Metti come Pagina Iniziale
Segnala ad un Amico
.
OnlineUtenti connessi:: 5
2947126 pagine viste dal      09.08.05
BMOL ver.5.0 by MatMa
 


Celeste
Misantrope(s)
Denovali Records
2009




Autore: BlackiceLORDofSILENCE
Letta: 3255 volte
Sito Ufficiale: http://www.weareceleste.com/
Il Nostro Voto: 7.5

Scommettiamo che questi diventano famosi? Questa è la mia sfida nel proporre questo gruppo al "grande pubblico" del Black Metal... Diventare famosi si fa per dire, perché chi segue da anni lo Sludge, il Drone e il Doom, di sicuro non gli sarà passato inosservato questo gruppo. Francesi, misantropi ma con le idee chiare e fresche. Misantrope(s) è il terzo album di questo combo e come in passato ci propone un’affascinante miscela di Sludge Metal e Screamo con influenze sia Stoner, sia Black Metal. Per chi segue il Black Metal più classico posso dire che ci sono delle influenze che abbiamo sentito negli ultimi Enslaved, e per la precisione le sezioni ritmiche di "Mardraum" e "Monumension"; oppure si possono notare dei punti di contatto con le parti più lente di gruppi come Funeral Mist o Deathspell Omega. Sono esempi da non prendere troppo alla lettera ovviamente perché questa è la faccia che si colloca sotto l'angolino del Black Metal. Dagli altri lati abbiamo le influenze degli Isis, dei The Ocean (non quelli sperimentali, ma quelli più "southern"); riff e suoni con chiari matrici provenienti dall’ultimo disco degli Yakuza mischiati alle atmosfere dei Jesu: questo è il panorama da cui spunta questa magnifica band, che per il sottoscritto è una delle rivelazioni dell’anno (benché non siano freschi di debut).

Si è parlato molto di Drone-Sludge negli ultimi anni, soprattutto di come "nuovi" gruppi sono arrivati alle orecchie degli ascoltatori di Black Metal: Sunn O))), Pelican e Earth su tutti, ma anche come i gruppi più sperimentali Black Metal siano approdati in circoli meno elitari e "true" ma sicuramente altrettanto (se non più) interessanti; Xasthur, Wolves in the Throne Room, e Striborg ne sono gli esempi. I Celeste possono essere un ulteriore tassello che collega questi due microcosmi, nel sottomondo sperimentale dello Screamo e del Post-Hardcore (le sue parti più Doom ovviamente). Nove canzoni ottenebranti e viscose che avvolgono l'ascoltatore martoriandolo costantemente; vorrei puntualizzare che non ho mai visto di buon occhio (qualitativamente parlando) i Sunn O))) o gli Isis, quindi sottolineo che questo album è abbastanza variegato e "consistente" rispetto ai deliri ambient e visionari dei succitati gruppi. Chi ama i generi menzionati o anche il Metal Estremo dai toni Doom, troverà senz’altro interessante questo album. Il disco non sarà schifato da chi ascolta il Black Metal già preso in considerazione, ma proprio a questi fruitori consiglio di ascoltarlo magari partendo dalle canzoni che confinano con il Black Metal di stampo tipicamente "xasthuriano", come "Toucher ce vide...", "Mai quel plaisir..." o "A défaut...", le quali partono con interessanti riff tipicamente Black Metal ad accordature aperte, accompagnate da blast-beats che poi nel corso dei propri sviluppi vengono ammorbiditi.

L’etichetta che ha sfornato questo album è la francese Denovali, la quale possiede un catalogo veramente interessante, e la quale ha dato alla luce delle suntuosissime versioni di questo album che vorrei segnalare non tanto per il mero collezionismo, quanto per la qualità e la cura nel dettaglio di questa label: il disco esce in 5 versioni di doppio LP (nero, oro, bianco e in un paio di casi con la copertina serigrafata su un lato del vinile), e in 4 versioni digipack (carta nera, marrone riciclata, bianca e grigiastra). Nota di merito in più: tutte le releases di questa label sono in free-download presso il sito ufficiale, anche questo disco.


Tracklist:

01. Que des yeux vides et séchés
02. Comme pour leurrer les regards et cette odeur de cadavre
03. Toucher ce vide béant attise ma fascination
04. La gorge ouverte et décharnée
05. Il y aura des femmes à remercier et de la chair à embrocher
06. Mais quel plaisir de voir cette tête d'enfant rougir et suer
07. Une insomnie avec qui tout le monde voudrait baiser
08. A défaut de te jeter sur ta progéniture
09. ...Anesthésié vos membres dans une orgie d'enthousiasme


VERSIONE STAMPABILE

Cerca questo album su ATMF Black Metal Mailorder




TUTTE LE RECENSIONI PER QUESTA BAND
Cover
Recensione
Autore
Voto

Celeste
Misantrope(s)

Denovali Records
2009
BlackiceLORDofSILENCE
7.5

www.blackmetalonline.com ©2002-2008