Home Page Recensioni Black Metal Recensioni Thrash / Death Recensioni Grey Area Recensioni Demo Forum Live e Festivals Interviste e Report Links Contatti e Staff

Aeternitas Tenebrarum Music Foundation

1305 recensioni totali
lette 2035764 volte
cerca una recensione:
  
.
.

Furor Gallico
390 b.c. The Glorious Dawn
[2009]

La Setta
Rito 1
[2007]

Neravendetta
Demo 2009
[2009]

Decreto K
La Tomba Reclama la Tua Carne
[2006]

Nocturnian
God Is A Lie
[2008]
.

.
Aggiungi ai Preferiti
Metti come Pagina Iniziale
Segnala ad un Amico
.
OnlineUtenti connessi:: 2
2954136 pagine viste dal      09.08.05
BMOL ver.5.0 by MatMa
 


Dealdly Carnage
Decadenza
Autoprodotto
2008




Autore: Fenrir
Letta: 2442 volte
Sito Ufficiale: http://www.deadlycarnage.altervista.org/
Il Nostro Voto: 8.5

Bellissima sorpresa questo "Decadenza" dei misconosciuti (si fa per dire, in quanto la loro fama sta rapidamente crescendo anche fuori dagli ambienti underground) Deadly Carnage, band di Rimini qui alle prese col loro primo full-length autoprodotto e limitato a 150 copie. Prima di questo lavoro avevano pubblicato solo un demo nel 2006, anno della fondazione della band, e un EP limitato a 100 copie, entrambi i lavori cantati in lingua inglese, mentre questo ultimo lavoro è cantato per metà in italiano. Il genere proposto da questi ragazzi è un Black Metal dalle tinte molto oscure, canzoni decisamente lunghe (raggiungono anche una decina di minuti) ma ben orecchiabili e sostenute da una batteria a mio avviso estremamente varia, capace di donare un'ampia gamma di variazioni alla struttura dei vari pezzi.

Come sopra accennato, i nostri cantano in italiano, scelta che da anni si sta rilevando decisamente vincente per diverse band – e per fortuna, aggiungo io. I testi sembrano ricalcare quelle crepuscolari tematiche tanto care a molte band Black Metal italiche, e cioè i pensieri espressi dagli scritti di autori quali Julius Evola e Oswald Spengler, giusto per nominare i due pensatori più importanti. Dunque si parla di decadenza, di rovine dell’Europa, che stanno a simbolizzare il decadimento di quegli imperi che hanno conquistato la quasi totalità delle terre emerse.

Le tracce sono quattro, e ognuna possiede una propria anima, fatto ammirevole data la quantità imbarazzante di canzoni messe li "per riempire" che affollano i dischi di una larga fetta delle band oggi attive.
Si parte con "Antica Europa". La tematica è ben chiara sin dall’inizio, e infatti saranno gli arpeggi un po’ malinconici di una chitarra classica ad introdurre questa canzone della durata di dieci minuti. Ottima la batteria, per nulla scontata, ma che anzi riesce a dare un tono "diverso" al pezzo, fattore per nulla diffuso, dunque degno di nota. La successiva "1486" è cantata in inglese (se devo dirla tutta, cantano decisamente meglio in italiano... La pronuncia anglosassone non è che sia proprio il massimo), ed è intervallata qua e là da intermezzi di chitarra acustica niente male. Da segnalare il riff della chitarra: azzeccatissimo, riesce a rendere perfettamente il senso "infernale" (e blasfemo, leggetevi il testo) della canzone. "Sogno Evanescente" colpisce per il ritmo decisamente più “sostenuto” e violento, con una mitragliata di doppio pedale e riff sparati a gran velocità che si alternano a brevi passaggi in cui il ritmo rallenta improvvisamente per poi rilasciare spazio ai riff di cui ho appena parlato. Canzone estremamente varia la cui tematica è incentrata sul bisogno di rinascere spiritualmente. "Facing The Path To Eternity" chiude il disco. Testo in inglese (...) e riff azzeccatissimi, come del resto lo sono tutti gli altri.

Spero vivamente che "Decadenza" sia un disco destinato ad avere diversi altri successori. I Deadly Carnage sono una di quelle band che fanno contenti i recensori disillusi e annoiati dal tanto ciarpame mediocre e noioso che gira come un cancro. Band come queste, se giocheranno bene le loro carte, saranno destinate ad avere un poso sicuro nelle discussioni tra Blackster per i prossimi anni a venire.


Track List:

01. Antica Europa
02. 1486
03. Sogno Evanescente
04. Facing The Path To Eternity


VERSIONE STAMPABILE

Cerca questo album su ATMF Black Metal Mailorder




TUTTE LE RECENSIONI PER QUESTA BAND
Cover
Recensione
Autore
Voto

Dealdly Carnage
Decadenza

Autoprodotto
2008
Fenrir
8.5

www.blackmetalonline.com ©2002-2008