Home Page Recensioni Black Metal Recensioni Thrash / Death Recensioni Grey Area Recensioni Demo Forum Live e Festivals Interviste e Report Links Contatti e Staff

Aeternitas Tenebrarum Music Foundation

1305 recensioni totali
lette 2029251 volte
cerca una recensione:
  
.
.

Furor Gallico
390 b.c. The Glorious Dawn
[2009]

La Setta
Rito 1
[2007]

Neravendetta
Demo 2009
[2009]

Decreto K
La Tomba Reclama la Tua Carne
[2006]

Nocturnian
God Is A Lie
[2008]
.

.
Aggiungi ai Preferiti
Metti come Pagina Iniziale
Segnala ad un Amico
.
OnlineUtenti connessi:: 8
2945448 pagine viste dal      09.08.05
BMOL ver.5.0 by MatMa
 


Coram Lethe
...A Splendid Chaos
Punishment 18 Records
2009




Autore: matma
Letta: 2183 volte
Sito Ufficiale: http://www.coramlethe.com/
Il Nostro Voto: 7.5

Non abbiamo mai avuto modo di parlare dei Coram Lethe sulle nostre pagine, altra band italianissima, dalla Toscana per l'esattezza, formatasi nell'ormai "lontanissimo" 1999 e autori già di due full-lenght e di una serie ormai notevole di live show; e a distanza di 4 lunghi anni dal precedente "The Gates Of Oblivion" eccoli tornare sulle scene con un nuovo disco ed un nuovo singer, o meglio "una" perchè si tratta di una presenza femminile che, permettetemi e che non si offenda l'interessata, di femminile ha naturalmente solo le sembianze perchè quando si mette dietro al microfono tira fuori i "coglioni" e calpesta tanti suoi colleghi maschietti anche più "famosi" (e questo vuole essere un complimento ovviamente!); Erica Puddu, questo il suo nome, è dotata di uno scream ruvido e agghiacciante che ricorda vagamente in alcuni passaggi un po' quello del mai troppo compianto Chuck Shuldiner.

Ma veniamo al disco, perchè in fondo è questo quello che ci interessa di più. Death Metal tecnico e "melodico" senza essere però troppo melodico o "emo" come va tanto di moda di questi tempi; il metro di paragone lo si può di certo fare con i nomi della scena scandinava che hanno "inventato" questo genere, ma paragonato ai primi anni però, quando era ancora più incazzato e meno contaminato dalle lagnose melodie che oggi praticamente in ogni ritornello saltano fuori. Brani pieni, tecnici al punto giusto senza giungere all'esasperazione e soprattutto facili da imprimersi nella mente; questo forse uno dei punti di forza del lavoro in questione.

"Splendid Chaos" è una breve intro prima di "Condemned To Darkness", titolo azzeccatissimo per uno dei migliori brani del lotto, unito a "Mystical Pentagram", progressivo e infarcito di stacchi e ripartenze di grande impatto, dove le chitarre di Leonardo e Filippo giocano ad inseguirsi e ad alternarsi in un riffing a volte forse un po' troppo "lineare" ma di grande impatto. "Half Identity" è un altro brano che ci ricorda i Death, sicuramente band molto amata da questi ragazzi toscani; lo si capisce dalle strutture di alcuni riff, dagli arpeggi sovrapposti e da tanti altri piccolo particolari che non passano inosservati. Naturalmente il paragone è sempre fatto con le dovutissime distanze e la giusta prostrazione da parte del sottoscritto della band di Mr. Shuldiner (R.I.P.). "Passione Della Carne" è un altro dei brani più interessanti del lotto, introdotto da un riffing effettato e distante che pian piano prende corpo e al quale si uniscono un drumming marziale e un altro riffing pesante e cadenzato prima dell'esplosione definitiva in un brano di sicuro impatto, costruito su ottimi riff che, ripeto, si presenta come uno dei momenti migliori, introspettivo se vogliamo ma impreziosito dalle giuste melodie che lo rendono molto interessante. Gli altri brani non citati non sono di certo "scarti", anzi il livello dell'intero lavoro è in generale molto buono, il riffing martellante e distorto sempre in primo piano è capace di tessere melodie sempre notevoli, "The Gift Of Providence" (probabilmente dedicata al Maestro H.P.Lovecraft) e "XI Commandment", tanto per citarne altre due, sono altri due brani che senz'altro lasciano il segno, ma in definitiva è nel complesso un disco che non delude, senza nessun filler.

Un gradito ritorno dunque, nella speranza che venga tributato il giusto riconoscimento a questa band attiva ormai da una decade con 3 dischi all'attivo. La Punishment 18 Records si sta dando da fare su questo versante e la cosa non può che farci piacere, sperando dunque che grazie alla giusta promozione il nome dei Coram Lethe possa trovare lo spazio che si merita nella scena Italiana. Una band interessante, musicisti capaci e preparati, un disco suonato e prodotto nel migliore dei modi. Da tenere in considerazione senza riserve.


Track List:

01. Splendid Chaos
02. Condamned to Darkness
03. The Gift of Providence
04. Mystical Pentagram
05. Half Identity
06. Ancient Reflections
07. Circles and Crosses
08. Passione della Carne
09. XI Commandment
10. Textures of Delight


VERSIONE STAMPABILE



TUTTE LE RECENSIONI PER QUESTA BAND
Cover
Recensione
Autore
Voto

Coram Lethe
...A Splendid Chaos

Punishment 18 Records
2009
matma
7.5

www.blackmetalonline.com ©2002-2008