Home Page Recensioni Black Metal Recensioni Thrash / Death Recensioni Grey Area Recensioni Demo Forum Live e Festivals Interviste e Report Links Contatti e Staff

Aeternitas Tenebrarum Music Foundation

1305 recensioni totali
lette 2055460 volte
cerca una recensione:
  
.
.

Furor Gallico
390 b.c. The Glorious Dawn
[2009]

La Setta
Rito 1
[2007]

Neravendetta
Demo 2009
[2009]

Decreto K
La Tomba Reclama la Tua Carne
[2006]

Nocturnian
God Is A Lie
[2008]
.

.
Aggiungi ai Preferiti
Metti come Pagina Iniziale
Segnala ad un Amico
.
OnlineUtenti connessi:: 2
2980474 pagine viste dal      09.08.05
BMOL ver.5.0 by MatMa
 


Dominance
Echoes Of Human Decay
Kolony Records
2009




Autore: matma
Letta: 2032 volte
Sito Ufficiale: http://www.myspace.com/dominancelegions
Il Nostro Voto: 8.5

Un caloroso bentornato agli Emiliani Dominance che dopo 10 lunghi anni tornano con una mazzata immane che risponde al nome di "Echoes Of Human Decay"!!! Devastazione Death Metal allo stato brado, dove la fredda e chirurgica precisione si sposa in maniera sublime con assalti fuoriosi e micidiali, con cavalcate e sferzate dirompenti, senza disdegnare aperture più melodiche e moderne (non fraintendete, niente Metalcore qui!). "Dead Mechanism" è l'innocua intro che ci prepara a "Last Witness", brano che da solo vale l'acquisto del cd: Cannibal Corpse e Immolation presi, sbattuti in un frullatore e rigurgitati con violenza inumana, questo più o meno l'impatto che ne scaturisce; assoluta distruzione. "Gilgamesh" parte cattivissima ma ci presenta un'apertura inaspettata a metà brano che lo rende ancora più interessante. Rimandi Thrash in "Primordial", altra mazzata di una pesantezza immane, più tecnica e intricata delle precedenti forse; il sound è davvero spesso, le due chitarre si completano in maniera direi perfetta, la produzione è precisa e d'impatto per il genere proposto ed il songwriting sempre molto azzeccato.

"The Siege" spara ancora a mille con un riffing che ricorda ancora volentieri il buon vecchio Thrash degli anni d'oro. "Duellists" cambia registro prendendo a prestito l'atmosfera ed il riffing del Black Metal più tradizionale in un incipit che coglie alla sprovvista ma che dopo più ascolti appare come la cosa giusta al momento giusto. "The Temple Of Two Queens" è magnifica nel riffing che sotto alla strofa permette alle due chitarre di dialogare "in stereo" prima di un'altra mazzata incredibile. "Unholy Birth" si scaglia imperterrita sull'ascoltatore ormai martoriato ma non ancora sazio con un'altro momento tecnico e particolarmente intricato; sempre ottimo l'intreccio delle due chitarre che sembrano una cosa sola tanto sanno amalgamarsi e completarsi. "The Sailor" porta con se un'altro dei riff più belli di tutto il lavoro, un po' prog nell'incedere ma non meno distruttivo. Chiude il conto di questi 46 minuti "Like A Distant Thunder", altro momento di grande spessore e profondità, un riffing più epico che scommetto piacerà anche agli amanti degli Amon Amarth.

Insomma, che altro aggiungere? Credo di essere stato abbastanza limpido nella mia esposizione; il disco in questione spacca e fa rabbia forse averlo aspettato 10 anni, ma forse alla fine è meglio così, forse il tempo non si era ancora compiuto per questo ritorno. Ora speriamo di non dovere aspettare altri 10 anni per un prossimo full!!! Al momento una delle band Death Metal italiane più interessanti e una delle poche a poter competere con i grandi nomi stranieri. Un nome che speriamo vivamente possa uscire dal confine e farsi apprezzare anche fuori perchè merita tutta l'attenzione e il rispetto di un grande album. Il 2009 Italiano può già vantare un disco che si candida tra i migliori dell'anno... Non perdetevelo!!!


Track List:

01. Dead Mechanism
02. Last Witness
03. Gilgamesh
04. Primordial
05. The Siege
06. Duellists
07. The Temple Of Two Queens
08. Unholy Birth
09. The Sailor
10. Like A Distant Thunder


VERSIONE STAMPABILE



TUTTE LE RECENSIONI PER QUESTA BAND
Cover
Recensione
Autore
Voto

Dominance
Echoes Of Human Decay

Kolony Records
2009
matma
8.5

www.blackmetalonline.com ©2002-2008