Home Page Recensioni Black Metal Recensioni Thrash / Death Recensioni Grey Area Recensioni Demo Forum Live e Festivals Interviste e Report Links Contatti e Staff

Aeternitas Tenebrarum Music Foundation

1305 recensioni totali
lette 2056035 volte
cerca una recensione:
  
.
.

Furor Gallico
390 b.c. The Glorious Dawn
[2009]

La Setta
Rito 1
[2007]

Neravendetta
Demo 2009
[2009]

Decreto K
La Tomba Reclama la Tua Carne
[2006]

Nocturnian
God Is A Lie
[2008]
.

.
Aggiungi ai Preferiti
Metti come Pagina Iniziale
Segnala ad un Amico
.
OnlineUtenti connessi:: 2
2981281 pagine viste dal      09.08.05
BMOL ver.5.0 by MatMa
 


Decreto K
La Tomba Reclama la Tua Carne
2006




Autore: Dark Nebula
Letta: 3953 volte
Sito Ufficiale: http://www.decretok.altervista.org/home.html
Voto: s.v.

"Decreto K è un progetto Harsh Noise imbastardito con l'arroganza Black Metal" Così Horta VII ha definito il suo Decreto K in un’intervista datata 2008. Non è semplice però comprendere l’essenza e lo spiritualismo che si cela dietro questo progetto, men che meno dai testi (presenti sul sito ufficile); ma più stimolanti sono le idee e i significati che trapelano dalle interviste al suddetto. Purtroppo anche se si riesce nell’intento di farsi un’idea del messaggio, il progetto ligure in questione è musicalmente e concettualmente di difficile assimilazione, caratteristica però che penso lo stesso ideatore volesse raggiungere. La “musica” è catalogata bene dalla definizione riportata all’inizio: uno spiccato noise sostanzialmente composto da suoni grezzi e molto ronzanti che poggiano i propri piedi su di una base Black Metal che risulta alla fine parecchio straviata e contaminata. Una drum machine fa da base al di sopra della quale sono registrati marcissimi riff conditi dai più svariati suoni, il tutto a creare un gran bel casino... E in ultima un malefico screaming parecchio filtrato recitante sporadiche sentenze

La sostanza concettuale celata dietro invece è di più difficile comprensione rimanendo intrappolata in testi poco chiari e in personalissime interpretazioni; una sorta di “chi ha orecchi per intendere intenda, altrimenti chi se ne frega!" Messaggi di morte, di decadenza moderna, di nichilismo, di depressione, di droga conditi a strane reminiscenze di totalitarismo (considerando un po’ il fatto che la mente di questo progetto milita anche in un altro concept skinhead harsh/noise) e misticismo. A conti fatti si rimane un po’ confusi sul messaggio, ma penso che tutto fuorchè alla riflessione sia dedita la musica di Decreto K. Lodevole è la volontà di trascendenza (anche se quella più riscontrabile qui è quella fisica) che il progetto vuole trasmettere, anche in senso musicale, infatti palese (e riscontrabile anche nelle interviste) è il disprezzo per una concezione statica e classicista di Black Metal. A tratti quasi ossessionante in certi passaggi, la musica vuole riuscire ad essere una porta per l’evasione da un mondo corrotto e povero di vita, privo di sapore, e penso che Horta VII abbia pensato che il modo migliore per farlo sia sfruttando una musica così contaminata che rischia quasi di non poter piu essere definita tale; scelta comunque abbastanza opinabile.

Riassumendo e considerando un po’ tutto, personalmente trovo Decreto K un progetto a tratti interessante, ma che gira e rigira, si ingarbuglia su se stesso. Al 99% non più definibile Black Metal per una proposta musicale che perde ogni musicalità, la volontà di trascendere musicalmente dal genere appena citato sfocia in un appartenenza ad un altro genere in cui è il casino ad essere quasi un dogma... Quindi viene da chiedersi se la scelta musicale non sia solo un dogmatico anti-dogmatismo mosso solo da un gusto diverso (ma non penso sia mio dovere scoprirlo). Lo spirito e l’aura che trapela dal dischetto è tutto sommato apprezzabile e riconducibile a certi principi propri del Black Metal anche se paga il pegno di essere secondo me fin troppo mascherata e poco chiara. Trapela bene un senso d’oppressione e d’angoscia, di violenza e ribellione, ma il punto è che credo che queste siano le sensazioni che di suo questo genere trasmette, se c’è di più, qui, difficilmente si percepisce. Concludendo quindi valuto invalutabile la musica in questo cdr per la sua eccessiva amusicalità e, tralasciando gli aspetti concettuali, ne consiglio l’ascolto ad un’audience Noise piuttosto che Black Metal.


Track List:

01. Fame Eterna E Nevrotico Salasso
02. Invalida Equazione Gnostica
03. La Tomba Reclama la Tua Carne
04. STvR 54
05. Il Rituale Che Deforma la Tua Immagine
06. Oggi Sarebbero Vive
07. Riversa Nella Forca



VERSIONE STAMPABILE

TUTTE LE RECENSIONI PER QUESTA BAND
Cover
Recensione
Autore
Voto

Decreto K
La Tomba Reclama la Tua Carne

2006
Dark Nebula
s.v.

www.blackmetalonline.com ©2002-2008